sabato 28 giugno 2008

Repubblica.it: when your face more and more resembles your B side - Repubblica.it: la faccia sempre più come il lato B

One of Repubblica.it photo galleries bears the title Parigi: l'ossessione del lato B, una mostra al Pompidou (Paris: the B side obsession, an exhibition at the Pompidou centre) and has the following text: «Mania, obsession. Also, but not only. What the Tzech artist Miroslav Tichý feels for women's rear end is an attraction that almost feels primordial. "To me a woman is a motif. Her silhouette while standing or sitting, the way she moves when she walks... nothing else is important to me" - explained the photographer, now 81, opening his first exhibition in Paris, on show until September 22nd at the Pompidou centre. About one hundred black and white photos, slightly out of focus, shot around the Fifties in an amateurish way: while walking in the street of his native Kijov, in Moravia, with improvised cameras, built at home with discarded items such as boxes, cardboard, acrylic glass and adhesive tape. "I used to go to town and take at least one hundred pictures a day." - the photographer said - "It came to me automatically, without any effort". He photographed his women spontaneously, instinctively, without them even realizing they were being shot, almost as if he were a voyeur. He photographed them while they were at the swimming pool, in their bathing suits, in the streets or he spied upon them inside their homes, while they were watching TV or bending down to pick something up. Always, if possible, from behind". (Note: I took the liberty of adding the full stop myself, out of a foolish sense of respect for basic grammar rules, but it does not appear in the original text). Well, you can see the photos for yourselves following the link above. I would just like to underline how profound the synchronic and diachronic analysis carried out in these few lines by the unsigned author of the introductory notes (and also compliment the communication genius that decided these photo galleries should never have neither captions nor any apparent logical sequence). Beyond reducing all of Miroslav Tichý's work to a voyeuristic and fetish ode to the B side (at least let's not be hypocritical and call it by its name: ASS), the unsigned author did not even find the time to take a look at the photographs that would have been published. In fact he writes «[...] He photographed his women without them even realizing they were being shot, almost as if he were a voyeur [...] Always, if possible, from behind»... Actually you can easily notice the development of the Latissimus dorsi muscle here, while here the attention is drawn on the gluteus maximus, here on the bicep of thigh, here I have exhausted my anatomical culture, so you are free to find your own definition but they do not look like backsides to me, nor do these and maybe not even these. But after all who cares? We have already lured our readers in with the prospect of ass, or should I say the B side. But I think a special note of credit goes do the anonymous writer for having skillfully avoided any consideration about a number of analytical issues (well, it was not easy: try doing it yourselves!). We have to admit that, in his profound analysis of the five logical stages that lead to image creation, he could not skip Finding and Acquisition, but he definitely made up for that by completely ignoring Processing, and annihilating Process and Editing.

Su una delle gallerie fotografiche di Repubblica.it compare con il titolo Parigi: l'ossessione del lato B, una mostra al Pompidou il seguente testo «Mania, ossessione. Anche, ma non solo. Quella dell'artista ceco Miroslav Tichy per il sedere femminile è un'attrazione dal sapore primordiale. "Per me una donna è un motivo. La sua silhouette, in piedi, seduta, il suo movimento quando cammina, niente d'altro mi interessa", ha spiegato l'ottantunenne fotografo presentando la sua prima mostra parigina, ospitata fino al 22 settembre al Centro Pompidou. Un centinaio di scatti, in bianco e nero, vagamente fuori fuoco, realizzati attorno agli anni Cinquanta in modo amatoriale: passeggiando per le vie della sua cittadina natale, Kjov in Moravia, e con strumenti fotografici di fortuna, costruiti in casa con materiali di recupero come scatole di conserve, cartoncini, plexiglas e scotch. "Andavo in città, facevo almeno cento foto al giorno - ha raccontato l'artista - mi veniva automatico, senza il minimo sforzo". In modo immediato, istintivo fotografa le sue donne, senza che se ne accorgano, quasi da voyeur: mentre sono in piscina, in costume, per strada, o spiandole all'interno di qualche abitazione, mentre guardano la tv o mentre stanno chine a raccogliere qualcosa. Sempre possibilmente di spalle».
[ndr-il punto mi sono permesso di aggiungerlo io per un insano senso del rispetto delle regole grammaticali di base, ma nel testo originale non compare]
Bene, le foto ve le potete andare a vedere voi stessi al link sopra indicato. Io mi vorrei limitare a sottolineare la profondità speculativa dell'analisi sincronica e diacronica effettuata in poche righe dell'anonimo estensore delle note introduttive (nonché con quel genio della comunicazione che ha previsto che in queste gallerie fotografiche non fossero mai presenti forme di didascalizzazione, né parvenze di sequenzializzazione logica). A prescindere dal fatto di aver ridotto tutto il lavoro di Miroslav Tichý ad un inno voyer-feticistico al lato B (ma almeno non siamo ipocriti e chiamiamolo con il suo nome: CULO), l'anonimo estensore non si è posto nemmeno il problema di dare un'occhiata alle immagini che sarebbero state pubblicate. Infatti scrive «[...] fotografa le sue donne, senza che se ne accorgano, quasi da voyeur [...] Sempre possibilmente di spalle»... Infatti si potete notare facilmente lo sviluppo del grande dorsale qui, mentre qui si pone l'accento sul grande gluteo, qui sui bicipiti femorali, qui
invece si sono esaurite le conoscenze di anatomia, quindi fate un po' voi, ma a me non sembrano schiene, come non mi sembra che lo siano queste, e forse nemmeno queste. Ma in fondo che importa? Tanto i lettori li abbiamo già attirati con il miraggio del culo, pardon del lato B.
Ma una nota di merito particolare va secondo me all'estensore anonimo per aver abilmente passato qualsiasi considerazione su una selva di argomenti di analisi (caspita, non era mica tanto facile, provateci voi!). Certo nella sua profonda analisi delle cinque fasi logiche che conducono alla realizzazione di un'immagine, non ha proprio potute evitare le fasi di reperimento ed acquisizione, ma si è rifatto ampiamente glissando prima sull'elaborazione, e annichilendo processo ed edizione.

And did you take a look at the presentation text? I am quoting for the sake of information (using an improvised and approximate translation for which you will forgive me). "The Pompidou Centre is presenting for the first time in France the work of Tzech artist Miroslav Tichý. His work reveals a peculiar, marginal and monothematic talent, with out of time images that defy classification". >/span>Peculiar, marginal and monothematic talent? Are you going to say that he only shot women's asses or what? For crying out loud, that is the surplus value that will bring visitors and clicks to your site! And they even say something about his life (damn that internal and external contextualization!). "Born in Moravia in 1926, Miroslav Tichý started his career as a painter, influenced by Picasso, Matisse and German expressionism. The communist rise to power in 1948 lead him to fold back on himself. Back to his native town, Kyjov, after taking a little distance from painting, he approached (in the mid Fifties) photography, which he reinvented completely, going as far as to even make his own cameras and development tools, starting from discarded materials, food or shoe boxes and glass he found. For the next 30 years, until the late Eighties, he choose cultural insulation against the governing regime and every day he made dozens of shots portraying Kyiov women. His deliberate choice of marginalization and untamable independence, in contrast with the socialist progress ideology then in vogue, brought him recurrent problems with the authorities, which took the form of many hospitalizations in psychiatric institutions during the Sixties and Seventies and an eviction from his studio in 1972". What is the matter with these Gauls and their actual synchronic analysis? What matters to us is the B side, not the historical background. Still in the ignoble presentation from the Centre Pompidou we read: "His pictures shot in an instinctive or mechanical way with cameras put together roughly, with approximate lenses, show an extraordinary vision of reality, eroticized and oneiric, halfway between reality and dream: women in swimming pools, on the streets, reflected on a TV screen, are his only obsessive subject. The images, carefully printed, are often edited, mounted and framed with cheap materials (such as newspapers or cardboard) and sometimes they have been left for years in the photographer's studio. Underexposed or overexposed, scratched, out of focus, torn and stained, they reveal nonetheless an unclassifiable artist, conditioned by strong classical painting influences, whose deployment sometimes reminds us of amateurish techniques of ousider art". Art? Classical painting influences? Damn you strong headed Gauls, can't you see he took pictures of asses? Sorry, I meant B sides. But that is not all with thoseincompetent French. "Thanks to the constant use of one single theme, and to the abundance and constancy of the production, his work has also affinities with many works of contemporary art created in those years. The exhibition gathers about a 100 shots and a few cameras, mostly coming from Fondation Tichý-Ocean, and works from theCentre Pompidou's collection. It is accompanied by a catalogue published by Centre Pompidou which is the first book on Miroslav Tichý in French". Can you believe it? It was not enough to add a historical background (diachronic analysis), they also had to make an attempt at analyzing the cultural aspects (synchronic analysis). It simply is not up to being compared to Repubblica.it's asses... sorry, B sides. Amateurs! Come to Italy and learn what cultural marketing and, even more relevantly, journalism is! Believe it or not, this Quentin Bajac also dared to sign the silly stuff that I poorly translated for you. Bad jokes aside (allow me at least to let off steam in front of those indignities), the only conclusion I can reach (apart from the obvious one: it would be advisable to seriously consider expatriation) is that the anonymous writer, while writing the title for his article, got his own work (evidently done with the B side) confused with that of Miroslav Tichý.




From above:
The start page of the photo gallery Repubblica.it has devoted to Miroslav Tichý's exhibition.

The page that Centre Pompidou 's website made about Miroslav Tichý's exhibition.




E comunque sorvoliamo sulla profondità della speculazione. Volete mettere con il ciarpame culturale d'oltralpe proposto dal sito del Centre Pompidou? Pensate un po' che quei quattro ignoranti di galli non hanno intitolato la mostra in oggetto Foto di culi di donna, pardon, Foto del lato B, ma denotando completa ignoranza dei rudimenti minimi di marketing culturale, gli han dato il nome dell'autore: Miroslav Tichý... che tristezza!
E poi ma avete dato un'occhiata ai testi di presentazione? Cito per dovere di cronaca con una traduzione estemporana e approssimativa della quale avrete la bontà di perdonarmi: «Il Centre Pompidou presenta per la prima volta in Francia l'opera dell'artista ceco Miroslav Tichý. La sua opera rivela un talento singolare, marginale e monotematico, dalle immagini inclassificabili e atemporali». Talento singolare, emarginato e monotematico, ma volete dirlo una buona volta che questo fotografava solo solo culi di femmina? Accidenti è quello il valore aggiunto che porta pubblico e click sul sito! E poi ci dicono perfino qualcosa della sua vita (maledetti siano i contesti interni ed esterni!):«Nato nel 1926 in Moravia, Miroslav Tichý ha iniziato una carriera di pittore, segnata dall'influenza di Picasso, Matisse e degli espressionisti tedeschi. La conquista del potere da parte dei comunisti nel 1948 lo ha condotto ad assumere una posizione di ripiegamento. Di ritorno nella sua città natale, Kyjov, dopo aver un po' allentato il suo rapporto con la pittura, si avvicina, intorno alla metà degli anni Cinquanta, alla fotografia, che reinventa completamente arrivando perfino a costruire i suoi apparecchi e i materiali di sviluppo, partendo da materiali di scarto, scatole di conserva o di scarpe, vetri di recupero. Nel corso di circa trent'anni, fino alla fine degli anni Ottanta, fa una scelta di isolamento culturale contro il regime al potere e realizza quotidianamente diverse dozzine di negativi che hanno come soggetto le donne di Kyjov. Il suo comportamento volontariamente emarginato, indomabilmente indipendente, in opposizione all'ideologia di progresso socialista allora in auge, gli causarono ricorrenti problemi con le autorità dell'epoca, che si concretizzarono in numerosi ricoveri in istituzioni psichiatriche tra gli anni Sessanta e Settanta e in uno sfratto del del suo studio nel 1972».
Ma che si sono messi in testa 'sti Galli di fare davvero un'analisi diacronica? Il lato B ci interessa, mica il contesto storico.
Sempre nell'ignobile presentazione del Centre Pompidou si legge ancora: «Le sue immagini realizzate in modo istintivo o meccanico con apparecchi messi insieme alla bell' e meglio, con obiettivi approssimativi, propongono una visione straordinaria della realtà erotizzata e onirica, metà reale e metà onirica: donne in piscina, donne in strada, donne in interni, riprese negli schermi televisivi, costituiscono il suo unico ossessivo soggetto. Le immagini stampate con cura sono spesso ritoccate, montate e incorniciate su materiali poveri, giornali, cartoni talvolta sono state abbandonate per anni nel suo studio. Sotto o sovraesposte, rigate, sfocate, strappate, macchiate, rivelano non dimeno un artista inclassificabile, condizionato da forti influenze pittoriche classiche la cui applicazione si avvicina talvolta a certe pratiche amatoriali e dell'arte outsider».
Arte? Influenze pittoriche classiche? Maledetti Galli cocciuti, ma lo volete capire che questo fotografa i culi? Ops, i lato B.
Ma mica han finito gli incompetenti: «Grazie all'instancabile ricorso ad un solo e unico tema, all'abbondanza e costanza nella produzione, il suo lavoro ha inoltre affinità con molti percorsi dell'arte contemporanea degli stessi anni. L'esposizione raccoglie un centinaio di fotografie e qualche apparecchio fotografico, provenienti per la maggior parte dalla Fondation Tichý-Ocean, e opere della collezione del Centre Pompidou. È accompagnata da un catalogo pubblicato dalle edizioni del Centre Pompidou che costituisce la prima opera su Miroslav Tichý disponibile in francese».
Ma avete capito? Non bastava buttarci dentro un inquadramento storico (analisi diacronica), ci ha messo pure un tentativo di analisi degli aspetti culturali (analisi sincronica). Ma vuoi mettere con i culi, pardon lato B, di Repubblica.it? Dilettanti! Venite in Italia a imparare cosa vuol dire marketing culturale, ma soprattutto giornalismo! E pensate che questo Quentin Bajac, ha avuto persino l'ardire di mettere il proprio nome in calce alle... sciocchezze che ho malamente cercato di tradurvi.
Battute di cattivo gusto a parte (consentitemi almeno una valvola di sfogo di fronte a questi scempi), l'unica conclusione che posso trarre (oltre a quella più ovvia sull'opportunità di prendere in seria considerazione l'espatrio) è che l'anonimo estensore nel redigere il titolo ha confuso il proprio lavoro, fatto con il lato B, con quello di Miroslav Tichý.




Dall'alto:

La pagina iniziale della galleria fotografica che Repubblica.it dedica alla mostra di Miroslav Tichý.

La pagina che il sito del Centre Pompidou dedica alla mostra di Miroslav Tichý.



AddThis Social Bookmark Button


Puoi contribuire alla diffusione di questo post votandolo su FAI.INFORMAZIONE. Il reale numero di voti ricevuti è visibile solo nella pagina del post (clicca sul titolo o vai sui commenti).


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Posta un commento