venerdì 25 novembre 2011

Massimo Berruti, il fotogiornalismo ha ancora senso


Parigi, École Nationale Supérieur des Beaux-Art, Chapelle des Petits-Augustin. Un momento dell'intervista a Massimo Berruti, vincitore del Prix Carmignac Gestion du photojournalisme 2010. © Stefania Biamonti 2011. 
Mancano ancora venti minuti all'appuntamento. Qualche studente oltrepassa alla spicciolata il grande cancello dell'École Nationale Supérieure des Beaux-Arts in una Parigi tiepida e un po' grigia di inizio novembre. In alto sopra le sbarre campeggia il manifesto che annuncia la mostra Lashkars, milices civiles pachtounes face aux talibans, il lavoro con cui Massimo Berruti ha vinto il Prix Carmignac Gestion du Photojournalisme 2010È lunedì mattina e la Chapelle des Petits-Augustin dove sono esposte le fotografie è chiusa. Verrà aperta solo per realizzare l'intervista. Di tanto in tanto qualche studente attraversa il piazzale per raggiungere le aule, trascinandosi dietro qualche ingombrante lavoro arrotolato sotto il braccio. Qualcuno si china all'ingresso a ritirare una copia gratuita di un quotidiano. Con almeno dieci minuti di anticipo ecco arrivare Eleonore Grau dell'ufficio stampa con cui è stata concordata l'intervista. Sorridente, vestita di scuro si mette immediatamente in moto e fa aprire la sala della mostra, scusandosi perché entreremo da un ingresso laterale. Oltrepassata la soglia sembra di entrare in un antico museo sette-ottocentesco. Sparsi, apparentemente a caso, nello spazio e sulle pareti statue e dipinti di ogni epoca circondano in un abbraccio ideale la mostra montata su pannelli viola che creano un percorso all'interno della sala. L'effetto d'insieme è straordinario, le foto perfettamente stampate e illuminate. Sembra davvero impossibile che espressioni visive tanto differenti e lontane nel tempo e nello spazio possano convivere tanto bene in uno stesso spazio. Mentre sto per concludere un primo giro di orientamento, una voce mi raggiunge alle spalle: «Ciao Sandro». È Massimo Berruti che arriva accompagnato da Eleonore. Iniziamo a chiacchierare per sciogliere un po' l'ambiente. Massimo parla con voce molto pacata, lentamente. Ha una voce piacevole e tranquillizzante, ma terribilmente bassa e io inizio a tremare prevedendo problemi audio a non finire, ma cerco di convincermi che riuscirò in qualche modo a fargli alzare il tono di voce. 
Facciamo un giro insieme per concordare dove realizzare l'intervista e alla fine concludiamo di farla davanti all'ingresso della mostra. Davanti a una pazientissima, ma quasi certamente sbigottita Eleonore iniziamo con italianissima ed estemporanea creatività a spostare tavoli, sedie e pacchi di cataloghi per improvvisare il set. Non prima però di aver solennemente  promesso di rimettere tutto a posto prima di andare via. 
Dopo aver praticamente smontato mezza Cappella, sotto gli occhi sempre più preoccupati di Eleonore, possiamo cominciare. 
«La voce Massimo... mi raccomando, alzala più che puoi!»



Un ringraziamento particolare a Vivien Ayroles e Eleonore Grau (Heymann, Renoult associées) per aver reso possibile questa intervista con grandissima professionalità e disponibilità.




LA MOSTRA

Lashkars, milices civiles pachtounes face aux talibans
(Prix Carmignac Gestion du Photojournalisme 2010)


di Massimo Berruti

fino al 3 dicembre 2011

École Nationale Supérieure des Beaux-Arts de Paris
Chapelle des Petits-Augustin
14 rue Bonaparte, 75006 Parigi



AddThis Social Bookmark Button
Posta un commento