lunedì 4 febbraio 2008

Paesaggio: 7 modi di interpretarlo


Il maestro Kikugawa una volta disse: «Judo è come onda di mare. Quando onda è in alto judo è bene, quando onda in basso judo male».

Ora in alto. Ora in basso. Come una barca nella tempesta, che segue il capriccio ondivago. Instabile. Impotente. La mente imprigionata in opacità lattiginose. Quante volte ti sei sentito così? Piccolo all’inverosimile in uno spazio di cui non puoi nemmeno definire i confini. Nebbia fuori. Dentro. Nei pensieri che credi limpidi. In alto. In basso. La vita attraversata come un mistero. Tra banchi di nebbia e schiarite. Eri piccolo la prima volta che sei entrato in quell’aria di latte. Ricordi la disperazione per esserti perso? Ricordi quanto hai corso per uscire? Urlato perché venissero a prenderti? Ma per quanto corressi o gridassi non riuscivi a uscire. Il grigiore umido fin dentro i polmoni. Gli alveoli soffocati. Non potevi più nemmeno chiedere aiuto. Persa in una nube, l’anima finiva per prenderne il colore e la consistenza.
Poi all’improvviso i contorni del mondo tornavano a definirsi. Nel petto l’aria si asciugava. Nella mente i pensieri tornavano limpidi. E ti trovavi un po’ più grande.

Il maestro Kikugawa aggiunse: «Quando judo male, allora bisogna fare kata. Quando judo peggiora, studia bene e judo torna su cresta di onda. Ma ogni volta onda è un po’ più alta».

Eh già ogni volta che uscivi dalla nebbia vedevi le cose un po’ più chiaramente. Trasformato, sentivi che il terrore che ti aveva immobilizzato di fronte al cambiamento non era stato inutile. Essere in cima all’onda era piacevole. Ma non è mai durato a lungo. Presto sentivi iniziare la fase discendente. I contorni del mondo sempre meno definiti. Di nuovo. E di nuovo ti trovavi a non sapere dove eri. Ancora terrore. Ma ormai sapevi che era possibile uscire. Anche se non sapevi come. Non sapevi quando. Ma la nebbia finiva per scomparire. Prima o poi. E tornavi ad affrontare un mondo nitido, aspro, privo di quelle sfumature che ammorbidiscono tutti i contorni e proteggono. E poi di nuovo nebbia davanti a te. Sapevi che in qualche modo ne saresti riuscito ancora. Ma non avevi voglia di ritrovarti un’altra volta immerso nell’inconsapevolezza. Ma l’onda era implacabile. Di nuovo dentro. E poi ancora fuori. Dentro. Fuori. Dentro. Fuori. E ti sei ritrovato adulto.

Il maestro Kikugawa concluse: «Vita è come judo. Normale questo».
Sandro Iovine
dalla presentazione della mostra Dentro la nebbia di Bruno Taddei




video

Dentro la nebbia © Bruno Taddei.



Paesaggio: 7 modi di interpretarlo
7-21 febbraio 2008

Dentro la nebbia
foto di Bruno Taddei

Verso il mare

foto di Danilo Carriglio


Villa Pomini, via Don L. Testori, 14 Castellanza VA
Sabato ore 15-19 - domenica 10-12 e 15-19

Giovedì 7 febbraio ore 21,00 incontro con gli autori
Organizzazione a cura di Click Art's


AddThis Social Bookmark Button



Puoi contribuire alla diffusione di questo post votandolo su FAI.INFORMAZIONE. Il reale numero di voti ricevuti è visibile solo nella pagina del post (clicca sul titolo o vai sui commenti).

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Posta un commento