mercoledì 14 maggio 2008

Dispatches: il fotogiornalismo secondo Knight e Rosenblum


«In un mondo che cambia a velocità warp abbiamo concepito Dispatches per mettere in qualche punto tra Gutenberg e Google, una fonte di conoscenza vivace e fresca con un format destinato a persone che sanno quale può essere il peso delle parole e delle immagini su carta». Esordisce così l'editoriale di presentazione della nuova rivista che vede protagonisti Gary Knight dell'Agenzia VII, photography editor e art director, e Mort Rosenblum. Salutiamo la nuova testata, che avrà una cadenza di pubblicazione quadrimestrale, con grande piacere. Che oggi venga editata una rivista con una cadenza simile va decisamente a sottolineare la volontà di non competere con un livello di informazione immediata e destinata a durare poche ore. La ricerca è in direzione dell'approfondimento, un concetto sempre meno frequentato dal giornalismo contemporaneo. Ma ci sarà ancora spazio reale per l'approfondimento? Personalmente me lo auguro, ma non riesco a essere particolarmente ottimista. «Il nostro intento -scrive Mort Rosenblum nell'editoriale del primo numero di Dispatches- è provocare riflessioni e stimolare un dibattito». Nel primo numero è presente un lavoro commissionato ad Antonin Kratochvil dell'Agenzia VII, mentre nel secondo verranno pubblicate le fotografie di Yuri Kozyrev dell'Agenzia NOOR. Foss'anche solo per questo credo che sia un gesto dovuto sostenere lo sforzo che viene compiuto sostenendo un abbonamento annuale per un importo di £50,00 (pari a poco meno di 63 Euro).
Il primo numero di Dispatches si intitola In America e prevede i seguenti servizi: A Kashimiri in America: the lucky shade of brown, Exceptionalism: America the exempt, Mind blindness and the decline of hitchhing, Of turbans and neckties: why past defines present. Sul sito è anche presente un contributo multimediale con immagini Antonin Kratochvil



La testata di Dispatches, la nuova rivista quadrimestrale che ha come photography editor e art director Gary Knight dell'Agenzia VII.

La copertina del primo numero di Dispatches.

Una schermata di GodVille, il contributo multimediale di Antonin Kratochvil




AddThis Social Bookmark Button



Puoi contribuire alla diffusione di questo post votandolo su FAI.INFORMAZIONE. Il reale numero di voti ricevuti è visibile solo nella pagina del post (clicca sul titolo o vai sui commenti).

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


Posta un commento