sabato 5 gennaio 2008

Nuovo record della... Marlboro art di Prince


Quanto sareste disposti a spendere per questa immagine di Richard Prince? Beh spero abbastanza perché la fotografia in questione misura 254x161cm (100x65 pollici) e, come ben sanno i lettori di queste pagine, le immagini non sono quotate in base al soggetto, ma piuttosto in base alla dimensione ed edizione della stampa stessa. Se poi aggiungiamo che la tiratura è di due copie datate 2001-02, capirete che il conto che vien fuori è abbastanza salato. Detto questo a quanto credete possa essere stata venduta una delle due immagini? Vi do ancora un po' di tempo per riflettere, magari specificando che l'opera in questione è la riproduzione di una sezione di una pubblicità di sigarette Marlboro successivamente ingrandita alle dimensioni già citate. Avete fatto i vostri conti? Allora secondo voi a quanto è stata battuta all'asta da Sotheby's lo scorso 14 novembre? Beh, ora ve lo dico, ma siate onesti e ditemi se vi eravate avvicinati ala cifra. L'immagine di Richard Price è stata battuta a 3.401.000 dollari, al cambio odierno 2.307.717,9570 Euro. Una discreta cifretta non credete? Per altro si tratta al momento del record assoluto per una immagine fotografica (il detentore precedente era Andreas Gursky nel febbraio del 2007 aveva venduto una propria opera a 3.340.000 di dollari (2.266.326,9557 Euro sempre al cambio odierno). Prince non è nuovo a questo tipo di performance sportivo economiche in quanto già nel 2005 era stato il primo a vendere in un'asta da Christie's a New York una sua opera a oltre 1.000.000 di dollari (678.541,0047 Euro al cambio odierno). Profeta dell'appropriation art Prince è incorso anche in numerose critiche, che però sembrano rinvigorire più che altro le sue quotazioni invece che metterlo in discussione. In un articolo del New York Times apparso il 6 dicembre scorso (e già citato da Michele Trecate in un post su Scrivere con la luce il 7 dicembre 2007), si spiega con dovizia di dettagli di come Jom Krantz. commercial photographer from Chicago, visitando la retrospettiva dedicata a Richard Prince al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, si fosse trovato di fronte ad un poster della mostra (venduto a poco meno di 10 dollari) raffigurante un cowboy da lui ripreso nel 1990 in un ranch nei pressi di Albany. L'immagine era stata utilizzata per la realizzazione di una pubblicità Marlboro appunto. L'operato di Prince sembra essere protetto dalle leggi statunitensi, né del resto lo stesso Krantz ha mai dichiarato di aver intenzione di rivalersi economicamente. Quasi analoga situazione si era presentata per una delle opere più conosciute di Prince che aveva ripreso un'immagine di Garry Gross di una giovane Brooke Shields spogliata. In quel caso sembra che Prince avesse corrisposto una piccola cifra a Gross.
Ma forse ha ragione Jim Krantz quando afferma «Se l'imitazione è una forma di adulazione, beh allora accetterò il complimento». Ma come non appoggiare la saggezza del vecchio Jim di fronte ad affermazioni come quella laconicamente rilasciata da Prince quando ha asserito «Non ho mai associato le pubblicità all'esistenza di un autore»?




L'opera di Richard Prince battuta da Sotheby's il 14 novembre 2007 a 3.401.000 dollari. © Richard Prince via Sothebys.com.




AddThis Social Bookmark Button



Puoi contribuire alla diffusione di questo post votandolo su FAI.INFORMAZIONE. Il reale numero di voti ricevuti è visibile solo nella pagina del post (clicca sul titolo o vai sui commenti).




Posta un commento